lunedì 16 giugno 2014

La misteriosa scomparsa di Frederick Valentich



Il 21 ottobre del 1978 mentre era in volo di addestramento in un Cessna 182 Frederick Valentich scomparve nel nulla con il suo aereo.


Frederick Valentich
La scomparsa di Frederick Valentich è ancora avvolta nel mistero, durante un volo di addestramento con il suo Cessna 182, mentre andava a 125 miglia (350 km) scomparve nel nulla nello Stretto di Bass in Australia, il 21 ottobre 1978.


Descritto come un "appassionato di dischi volanti", Valentich, via radio al controllo del traffico aereo di  Melbourne  disse  che era accompagnato da un aeromobile a circa 1.000 piedi (300 m) sopra di lui, ed andava veloce, e poi ha riferito che, "Non era un aereo” . 


Ci sono state segnalazioni tardive di un avvistamento UFO in Australia la notte della scomparsa, tuttavia  l’Associated Press ha riferito che il Dipartimento dei trasporti era scettico nel credere che dietro la scomparsa di Valentich ci fosse un UFO e che alcuni dei loro funzionari hanno ipotizzato che Valentich fosse disorientato e ha visto le  proprie luci riflesse nell'acqua, o le luci da una vicina isola, mentre volava a testa in giù. 

 
Cessna
Frederick Valentich aveva circa 150 ore di volo ed ha ottenuto una classe di valutazione che lo ha autorizzato a volare di notte, ma solo "in condizioni meteorologiche visive". Aveva due volte cercato di arruolarsi nella Royal Australian Air Force , ma è stato respinto a causa dei titoli di studio inadeguati. Era un membro del Corps Air Training , determinato ad avere una carriera nel settore dell'aviazione, Valentich stava studiando  per diventare un pilota commerciale, ma aveva avuto dei problemi, dopo aver fallito due volte d'esame di licenza commerciale. Era stato coinvolto in un incidenti di volo, allontanandosi in una zona controllata a Sydney, per cui ha ricevuto una segnalazione. Secondo suo padre Guido, Frederick era un appassionato di  UFO ed era  preoccupato per eventuali attacchi di quest’ultimi. 

Quel giorno, Valentich chiamò via radio il servizio di volo di Melbourne alle 07:06 per segnalare un velivolo non identificato che lo seguiva a 4.500 metri e gli fu detto che non c'era traffico conosciuto a quell’altezza. Valentich disse di vedere un grande aereo sconosciuto che sembrava essere illuminato da quattro luci di atterraggio brillanti, che gli passò sopra la testa a circa 1.000 piedi (300 m) ed andava ad alta velocità. Valentich, ha poi riferito che l'aereo lo stava avvicinando da est e disse che l'altro pilota stava “volutamente” giocando con lui. Valentich disse che il velivolo è stato "in orbita" sopra di lui e che aveva una superficie di metallo lucido ed emanava una luce verde. Riferì poi che stava avendo problemi al motore. Alla richiesta di identificare il velivolo, Valentich via radio disse , "Non è un aereo", poi la sua trasmissione è stata interrotta dal rumore non identificato, descritto come "suono metallico", poi ogni contatto è stato perso.


P-3 Orion


Venne intrapresa una ricerca via mare e in cielo utilizzando un P-3 Orion (aereo di pattugliamento marittimo), più otto aerei civili. La ricerca interessò oltre 1.000 miglia quadrate. La ricerca è cessata il 25 ottobre 1978. 

Tra le varie ipotesi, oltre alla caduta dell’aereo (ma che dello stesso non sono mai stati trovati i rottami), ci sia anche una scomparsa volontaria o un suicidio ma non aveva mai dato nessun segno di depressione e non sono stati trovati biglietti d’addio.





Nel 2013 durante la revisione delle trascrizioni radio e altri dati di astronomia il pensionato pilota US Air Force James McGaha e autore Joe Nickell ipotizzarono che l'inesperto Valentich sia stato ingannato dalla illusione di un orizzonte inclinato per il quale ha cercato di compensare e inavvertitamente ha messo il suo aereo sottosopra, la cosiddetta spirale  che inizialmente è stata scambiata per una semplice orbita. Secondo gli autori, le forze G di una spirale di serraggio diminuirebbe il  flusso di carburante, con conseguente "minimo grezzo" segnalato  dal pilota. McGaha e Nickell propongono anche che le fonti di luce riportate da Valentich siano probabilmente i pianeti Venere, Marte e Mercurio insieme con la brillante stella Antares, che sarebbe stato coerente con la descrizione del pilota. 

Gli ufologi hanno ipotizzato che gli extraterrestri abbiano distrutto l'aereo di Valentich o lo hanno rapito, affermando che alcuni individui riferirono di aver visto "un oggetto in cielo, con movimenti irregolari e che emanava una
luce verde”. Gli ufologi credono che questi racconti siano significativi perché della "luce verde" ne parla anche Valentich nelle trasmissioni radio. 

Il gruppo Ufologico Arizona Phoenix, sostiene che le foto scattate quel giorno dall'idraulico Roy, mostrano un oggetto in rapido movimento in uscita dall'acqua vicino al faro di Cape Otway. Anche se le immagini non sono abbastanza chiare per identificare l'oggetto, gli Ufologi sostengono che mostrano, un oggetto volante sconosciuto, di dimensioni contenute, a quanto pare circondato da una nuvola simile al vapore di scarico.






Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...